Stai utilizzando un browser non supportato.
Alcune sezioni di questo sito potrebbero non essere visualizzate correttamente. Per un’esperienza utente ottimale, visita questo sito utilizzando Chrome, Firefox, Safari o Edge.

SARS-CoV-2

Informazioni sul test
Home / Test / Infezioni correlate all’assistenza sanitaria / Xpert C. difficile BT

Xpert® C. difficile BT

Rilevamento di Clostridium difficile in circa 45 minuti

Xpert<sup>®</sup> <em>C. difficile</em> BT

L’esigenza


Le infezioni da C. difficile (CDI) stanno aumentando in termini di incidenza e gravità e sono associate a un aumento di costi, tempi di degenza, morbilità e mortalità.2

  • Ceppi altamente virulenti (027-NAP1-BI) hanno causato focolai epidemici di malattia grave in Europa e in Nord America3
  • La tossina binaria (BT) può essere importante per i seguenti motivi:
    • È connessa alla gravità e a un decorso più severo della malattia4
    • Alcuni ceppi, come 033, sono positivi solo per la tossina binaria e non per le tossine A e B, e tuttavia risultano causa di CDI5,6
       

Costi incrementali associati alle infezioni da C. difficile7

 

La soluzione


Le CDI sono diventate un problema sostanziale e sempre più gravoso per i pazienti ospedalizzati e richiedono un rilevamento precoce e accurato.

Xpert® C. difficile BT porta i seguenti vantaggi:

  • Identificazione rapida di C. difficile produttore di tossine in circa 45 minuti
  • Ampia copertura con più bersagli, tra cui: tossina B (tcdB), tossina binaria (cdtA) e delezione del gene tcdC in corrispondenza del nucleotide 117 associata al ceppo del ribotipo 027, un predittore di CDI grave e mortalità8
  • Somministrazione rapida e ottimizzata della terapia, per migliorare gli esiti per i pazienti9
  • Iniziative tempestive di controllo delle infezioni per ridurne la diffusione10
  • Efficienza nelle pratiche di laboratorio con procedure “on-demand” che richiedono un tempo operatore minimo e nessuna ripetizione del test1,11

L’impatto


Risposte on-demand, ovunque e in qualsiasi momento sia necessario per i pazienti

(1) Casari E, et al. Reducing rates of Clostridium difficile infection by switching to a stand-alone NAAT with clear sampling criteria. Antimicrob Resist Infect Control. 2018 Mar;7(40).
(2) European Hospital and Healthcare Federation (HOPE). CDI Europe Report, 2013: Clostridium difficile infection in Europe. FDX/12/0082/EU.
(3) Marujo V, et al. The largely unnoticed spread of Clostridioides difficile PCR ribotype 027 in Germany after 2010. IPIP. 2020 Dec;2(4):100102.
(4) Stewart D, et al. Predicting recurrence of C. difficile colitis using bacterial virulence factors: binary toxin is the key. J Gastrointest Surg. 2013 Jan;17(1):118-24.
(5) Eckert C, et al. Prevalence and pathogenicity of binary toxin-positive C. difficile strains that do not produce toxins A and B. New Microbes New Infect. 2014 Nov;8(3):12-7.
(6) Androga G, et al. Evaluation of the Cepheid Xpert C. difficile/Epi and meridian bioscience illumigene C. difficile assays for detecting Clostridium difficile ribotype 033 strains. J Clin Microbiol. 2015 Mar;53(3):973-5.
(7) Tresman R & Goldenberg S. Healthcare resource use and attributable cost of Clostridium difficile infection: a micro-costing analysis comparing first and recurrent episodes. J Antimicrob Chemother. 2018 Oct;73(10):2851-2855.
(8) Rao K, et al. C. difficile ribotype 027: relationship to age, detectability of toxins A or B in stool with rapid testing, severe infection, and mortality. Clin Infect Dis. 2015 Jul 15;61(2):233-41.
(9) Peppard W, et al. Implementation of polymerase chain reaction to rule out C. difficile infection is associated with reduced empiric antibiotic duration of therapy. Hosp Pharm. 2014 Jul;49(7):693-43.
(10) Schroeder L, et al. Economic evaluation of laboratory testing strategies for hospital-associated Clostridium difficile infection. JCM. 2014 Feb;52(2):489.
(11) Following C. difficile sampling guidance detailed in: McDonald L, et al. Clinical Practice Guidelines for Clostridium difficile Infection in Adults and Children: 2017 Update by the Infectious Diseases Society of America (IDSA) and Society for Healthcare Epidemiology of America (SHEA). Clin Infect Dis. 2018 Apr;66(7):e1–e48.INFORMAZIONI DI CATALOGOXpert® C. difficile BT10 testGXCDIFFBT-CE-10

Informazioni - Ufficio ordini


Xpert® C. difficile BT

Numero di test: 10

N. di catalogo: GXCDIFFICILE-CE-10

Xpert® C. difficile BT

Numero per confezione: 120

N. di catalogo: SDPS-120

Xpert® C. difficile BT

Numero di tamponi: 50

N. di catalogo: 900-0370
Torna all’inizio
Powered by Translations.com GlobalLink OneLink SoftwarePowered By OneLink